06.16.2019/kos-samos

16 giugno – 23 giugno € 500

Kos – Samos

Dodecanneso Nord Orientale

Itinerario: Kos-Pserimos-Kalimnos-Leros-Lipsi-Arki-Agathonisi-Samos

Dopo aver trascorso la sera dell’imbarco nella mondana cittadina di Kos e aver riposato nell’antico porto veneziano, la mattina successiva faremo rotta verso nord-ovest per raggiungere Pserimos. Sull’isola trascorreremo la notte ormeggiati sulle azzurre acque della baia di Vathy. Il giorno seguente, in bolina mure a sinistra, approderemo nel profondo fiordo sulla costa orientale di Kalimnos, per poi, in serata, visitare la cittadina di Pandeli a Leros. Imperdibile la cena nella deliziosa taverna da “Petrino” che offre deliziosi arrosti misti di carne. Martedì mattina raggiungeremo gli isolotti “caraibici” dell’arcipelago di Arcangelos, per poi trascorrere la notte sotto il cielo stellato dell’estate nella splendida Kouloura bay a Lipsi. Giovedì mattina daremo fondo in una delle baie più spettacolari del Dodecanneso settentrionale: Tiganakia Bay. Una laguna dalle acque magiche dove spuntano come perle 9 minuscoli isolotti circondati da acque di un celeste luminoso. La sera approderemo nel piccolo porticciolo di Arki per una deliziosa cenetta a base di pesce dall’amico “Codino”. Giovedì rotta verso Nord-Est fino a raggiungere Agathonisi, l’isola in cui si dice che silenzio è il suo unico rumore. Con i suoi 90 abitanti è il luogo dove non si può far altro che riposarsi, sull’isola non c’è davvero nulla da fare a parte degustare degli ottimi piatti della cucina greca nell’unica taverna sul porto. Venerdì mattina dopo una sosta nella baia di Tolos salperemo verso Nord fino a raggiungere il piccolo arcipelago turco 4 miglia a sud di Samos costituito da tre isolotti (Tavsan Adasi, Sandal Adasi e Su Adasi). Un luogo fuori dal tempo pieno di insenature naturali dove trovare ridosso e trascorrere momenti al solo cospetto con la natura incontaminata bagnandosi in un mare azzurro e trasparente come il cristallo. Sabato mattina, dopo una sosta a pochi passi dalla spiaggia di Pappas dove il bianco della sabbia risplende davanti al blu intenso delle acque che la bagnano, risaliremo il vento in bolina fino a raggiungere in serata la cittadina del teorema di Pitagora. Samos è un’isola dai mille colori dove nell’aria si sente il profumo delle orchidee selvatiche e a tavola si possono gustare alcuni dei migliori vini greci. E’ un luogo considerato mitico, si dice che qui sia nata la moglie di Zeus, Era. Inoltre la terra è patria del matematico Pitagora, del filosofo Epicuro e dell’astronomo Aristarco. E’ stata fonte di ispirazione per Esopo perchè ogni villaggio di Samos è ricco di storie e leggende. A Samos, non potremo perdere l’occasione di vedere il Tunnel di Eupalino, un’opera di ardua ingegneria unica al mondo. L’architetto  ingaggiato dal tiranno Policrate, lo creò 2600 anni fa per poter portare acqua nell’antica città di Samos.